domenica, agosto 13, 2006

Feriae Augusti


In origine Ferragosto non cadeva il 15 di agosto, ma durava tutto il mese. Risale al 18 a. C., quando il primo imperatore romano istituì le feriae Augusti, cioè le ferie in onore di Augusto. Una delle celebrazioni più importanti era quella dedicata alla dea Diana, il 13. Alla festa - presso il tempio sull’Aventino - potevano partecipare sia i padroni sia i servi, infrangendo, almeno per un giorno, la regola della distanza tra classi. Diana era la dea legata alla vita nei boschi, alle fasi lunari e alla maternità. Proprio per quest’ultima qualità, le donne appendevano alle pareti del tempio, per tutto l’anno, tavolette votive per ottenere un parto facile e felice. Oggi, il 15 agosto, i credenti celebrano la festa per l’Assunzione della Vergine Maria, che risulta imparentata con le feste antiche di cui sopra. In realtà pare che l’origine di questa festività sia orientale. In questo periodo veniva onorata la Grande Madre, la dea siriana Atagartis, metà donna metà pesce, patrona della fertilità e del lavoro nei campi. Tale funzione fu trasferita alla Madonna durante la diffusione del Cristianesimo. Comunque, BUON FERRAGOSTO A TUTTI VOI!!

5 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Il 13 agosto alla festa sull'Aventino i servi si potevano fare le padrone mentre i padroni si riposavano perchè le serve se le facevano tutto l'anno.
paolo

1:57 AM  
Anonymous Anonimo said...

caro raul e qualche giorno che non scrivi sul blob ed io non so come fare i miei commenti per cui oggi riprenderò le lezioni sui diamanti: cominciamo col difetto esterno ( il termine difetto è usato quandoil diamante presenta graffi o imperfezioni sulla parte esterna della pietra) ma come si dice non è bello quel che e bello ma è bello quel che piace, a me piace risparmiare e me copmpro quello grazziato.
dimensioni della tavola più è grossa e in più ce se magna , no si riferisce all'ampiezz della tavola, spesso espressa in percentuale "di bottiglie che contiene" no scusate mi stavo distraendo, rispetto all'ampiezza totale della pietra.
dispersione (qui siamo tutti dispersi) nei diamanti quando la luce entra si riflette (ecco bisogna un pò riflettere anche noi) sulle faccette e sugli angoli ( equi andiamo al rigore ) tagliati all'interno della pietra. la distribuzione della luce è nota come dispersione o diffusione dei colori dello spettro ( che paura)
faccette sono le piccole superfici che vengono tagliate su di un diamante grezzo e che gli conferiscono la forma finale. il modo in cui la luce ingrandisce con queste faccette determina la luminosità e lo sfavillio di un diamante de best per sempre.

caro daniele ci sentiamo alla prossima lezione paolo che best.
un saluto a tutti quelli che purtroppo non avendo di meglio da fare sono costretti a leggere ste cazzate.

10:08 AM  
Anonymous Anonimo said...

raul è andato in ferie alle bahamas il sito riprende dopo le ferie ...... ho spicciate a riscrive!!!!! paolo

10:36 AM  
Anonymous Anonimo said...

Anche se in ritardo... BUON FERRAGOSTO anche a te Raul!
Francesca

10:42 AM  
Blogger FulviaLeopardi said...

sei sparito dopo aver visto il mio, di blog ;)?

5:36 AM  

Posta un commento

<< Home